Amici Miei – Supercazzola come fosse Antani

    Caratteristiche:

    Colori tinta unita: 100% cotone pettinato ringspun, soffice al tatto, struttura con busto tubolare, vestibilità modern fit, girocollo in costina 1x1, peso 150 gr.

    Colori Cardiff : 100% cotone pettinato tinto a freddo, colletto basso h cm 1.2 e cuciture laterali per una migliore vestibilità, peso 165 gr.
    N.B.: la tintura a freddo garantisce al capo un'aspetto vissuto e una colorazione vintage, ma è necessario lavare il capo prima di indossarlo.

    Caratteristiche:

    100% cotone pettinato ringspun, soffice al tatto, struttura con busto tubolare, vestibilità slim fit, girocollo in costina 1x1, peso 150 gr.

    Caratteristiche:

    Felpa unisex 75% cotone ring-spun, 21% poliestere, 4% viscosa, fettuccia a spina di pesce in contrasto sul collo, cuciture laterali. Felpata internamente.

    posizione della grafica:

    L’immagine riportata, raffigura esclusivamente la dimensione e posizionamento della grafica sulla t-shirt, senza fare riferimento al colore da Voi scelto.

Una t-shirt dedicata ad Amici Miei, tra le commedie indimenticabili del cinema italiano.

Ho realizzato una grafica che ricordasse una delle scene principali del film, quella del Conte Mascetti alle prese con il vigile.

Vuoi una t-shirt con grafica unica di Amici Miei e del Conte Mascetti? Sei nel posto giusto!

Una grafica dedicata ad una delle tantissime scene indimenticabili di questo film.

Amici miei è una commedia del 1975, diretto da Mario Monicelli a cui seguirà nel 1982 Amici Miei – atto II.

Il film racconta le avventure di quattro inseparabili amici d’infanzia fiorentini sulla cinquantina che affrontano i loro disagi con scherzi a danno di malcapitati.

Il conte Raffaello Mascetti (Ugo Tognazzi) è un nobile decaduto che, dopo aver scialacquato due eredità, costretto a vivere dapprima ospite degli amici, poi in uno scantinato.

Rambaldo Melandri (Gastone Moschin) è un anonimo architetto alla perenne ricerca di una donna, per la quale sarebbe anche disposto ad abbandonare i suoi amici.

Giorgio Perozzi (Philippe Noiret) è un redattore capo di cronaca che cerca di sfuggire la disapprovazione per la sua poca serietà che il figlio e la moglie gli riservano.

Guido Necchi (Duilio Del Prete) gestisce con la moglie Carmen (molto più impegnata di lui sul lavoro) un bar con sala da biliardo, puntuale covo d’incontro del gruppo d’amici.

Ai quattro amici di sempre si aggiunge, nel corso della narrazione, il professor dottor Alfeo Sassaroli (Adolfo Celi) brillante primario ospedaliero annoiato dalla professione.