Diabolik

    T-shirt tinta unita

    colori tinta unita: 100% cotone pettinato ringspun, soffice al tatto, struttura con busto tubolare, vestibilità modern fit, girocollo in costina 1x1, peso 150 gr.

    colori melange : 97% cotone pettinato ringspun 3% poliestere, soffice al tatto, struttura con busto tubolare, vestibilità modern fit, girocollo in costina 1x1, peso 150 gr.

    Caratteristiche:

    100% cotone pettinato ringspun, soffice al tatto, struttura con busto tubolare, vestibilità slim fit, girocollo in costina 1x1, peso 150 gr.

    Caratteristiche:

    Felpa unisex 75% cotone ring-spun, 21% poliestere, 4% viscosa, fettuccia a spina di pesce in contrasto sul collo, cuciture laterali. Felpata internamente.

    T-shirt Tie Dye

    T-shirt 100% cotone a tintura Tie Dye, consiste nell’annodare il tessuto, in questo modo si vanno a chiudere delle porzioni di tessuto che durante il bagno di tintura non saranno colorate, gli effetti che si ottengono sono davvero notevoli e diversi tra loro. Nastro di rinforzo sul collo, girocollo a costine, cuciture doppie sulla manica e sull'orlo inferiore. Modello unisex.

    posizione della grafica:

    L’immagine riportata, raffigura esclusivamente la dimensione e posizionamento della grafica sulla t-shirt, senza fare riferimento al colore da Voi scelto.

La t-shirt Diabolik è dedicata all’indimenticabile personaggio dei fumetti.

Stai cercando una t-shirt particolare con l’immagine di Diabolik? Contattaci!

Vuoi la t-shirt con l’indimenticabile immagine simbolo di Diabolik? Sei nel posto giusto!

Una grafica creata utilizzando l’immagine del suo sguardo, la scritta DIABOLIK il re del terrore.

Il personaggio creato dalle sorelle Angela e Luciana Giussani.

La serie ha esordito nel Novembre 1962 edita dalla casa editrice Astorina che ne continua le pubblicazioni da oltre cinquanta anni.

Alle sceneggiature, oltre alle sorelle Giussani, si sono alternati vari autori.

Alla realizzazione grafica del personaggio si sono alternati nel tempo diversi disegnatori.

Il formato ridotto degli albi di Diabolik, venne ideato per venire incontro alle esigenze dei pendolari che Angela Giussani osservava ogni mattina da casa sua.

Il primo numero ha una copertina realizzata da Brenno Fiumali, mentre la storia venne disegnata da Zarcone.

La trama è congegnata in modo che il lettore all’inizio non sappia chi sia veramente Diabolik, che diviene una figura inquietante e imprevedibile.

Tuttavia, l’iniziale riscontro delle vendite non fu soddisfacente e si decise di pubblicare il numero successivo solo dopo tre mesi, nel Febbraio del 1963.

Diabolik è un genio del crimine, del travestimento, nell’assassinio e nelle tecniche furtive, un eccellente tattico e stratega, un esperto ipnotizzatore, un poliglotta e dotato in analisi e deduzioni.

È un esperto nel combattimento corpo a corpo e nell’uso di coltelli da combattimento, oltre che a essere un pilota e un tiratore eccellente.

Suo segno distintivo sono i terribili occhi di ghiaccio; quello sguardo rivela tutta la sua spietatezza e crudeltà.

Apparso già dal primo numero, diventerà poi un vero e proprio simbolo.

Ha una grande abilità nell’uso di armi, veleni, droghe e alta tecnologia.

Conosce il codice Morse ed è un grande conoscitore d’arte e oggetti preziosi.

Il terzo numero vede l’esordio di Eva Kant.