Austin Powers – Mini Me

    T-shirt tinta unita

    colori tinta unita: 100% cotone pettinato ringspun, soffice al tatto, struttura con busto tubolare, vestibilità modern fit, girocollo in costina 1x1, peso 150 gr.

    colori melange : 97% cotone pettinato ringspun 3% poliestere, soffice al tatto, struttura con busto tubolare, vestibilità modern fit, girocollo in costina 1x1, peso 150 gr.

    Caratteristiche:

    100% cotone pettinato ringspun, soffice al tatto, struttura con busto tubolare, vestibilità slim fit, girocollo in costina 1x1, peso 150 gr.

    Caratteristiche:

    Felpa unisex 75% cotone ring-spun, 21% poliestere, 4% viscosa, fettuccia a spina di pesce in contrasto sul collo, cuciture laterali. Felpata internamente.

    T-shirt Tie Dye

    T-shirt 100% cotone a tintura Tie Dye, consiste nell’annodare il tessuto, in questo modo si vanno a chiudere delle porzioni di tessuto che durante il bagno di tintura non saranno colorate, gli effetti che si ottengono sono davvero notevoli e diversi tra loro. Nastro di rinforzo sul collo, girocollo a costine, cuciture doppie sulla manica e sull'orlo inferiore. Modello unisex.

    posizione della grafica:

    L’immagine riportata, raffigura esclusivamente la dimensione e posizionamento della grafica sulla t-shirt, senza fare riferimento al colore da Voi scelto.

t-shirt dedicata a Mini Me, uno dei personaggi protagonisti di Austin Powers.

La spalla del Dottor Male, uno dei vari personaggi interpretati da Mike Meyers.

Vuoi una t-shirt con grafica esclusiva di Mini Me di Austin Power? Ordinala nel colore e taglia che vuoi!

Ho scelto un’immagine di Verne Troyer, l’attore che lo interpreta, unendola ad una sua frase che ben lo rappresenta.

Austin Powers è una serie di commedie e film d’azione spionistici diretti da Jay Roach, scritti e prodotti da Mike Myers.

Austin Powers – Il controspione (1997), Austin Powers – La spia che ci provava (1999) e Austin Powers in Goldmember (2002).

Il film narra le vicende di Austin Powers, una spia britannica che tenta di fermare i piani malvagi del Dottor Male, la sua nemesi.

Entrambi i personaggi sono interpretati da Mike Myers.

In Austin Powers – Il controspione, Austin e il Dottor Male vengono risvegliati dopo essere stati congelati criogenicamente per trent’anni.

Continuando a incorporare elementi culturali degli anni sessanta e settanta, Austin Powers – La spia che ci provava e Austin Powers in Goldmember introducono il tema del viaggio nel tempo e trascurano deliberatamente le incongruenze.

Il protagonista rappresenta un archetipo della cosiddetta Swinging London degli anni sessanta, per la sua difesa dell’amore libero, le impressioni oscure e il suo colorato stile di abbigliamento.

La serie costituisce inoltre una parodia di numerosi film e personaggi, tra cui James Bond e Jason King, e incorpora numerosi elementi della cultura popolare.

I film si caratterizzano per le trame scandalose, le pesanti allusioni sessuali e i personaggi che ricalcano gli stereotipi dei film di spionaggio degli anni sessanta fra cui il cliché della super spia.

Non ha sicuramente il fascino di James Bond, ma le donne lo trovano irresistibile.

Heather Graham, Elizabeth Hurley, Beyoncè… per ricordarne alcune.

In ogni capitolo, il Dottor Male tenta di estorcere ingenti somme di denaro da governi o organismi internazionali, ma è costantemente ostacolato da Powers e in parte dalla sua inesperienza con la cultura e lo stile di vita degli anni novanta. (fonte Wikipedia)